Discoteche, Tra Faine e ignoranti

Discoteche, Tra Faine e ignoranti

Come sempre nel nostro paese, si fa tanto rumore per nulla. Si perché la decisione di chiudere le discoteche non si può neanche lontanamente contestare. Al contrario, si può aver da ridire sul perché siano state aperte, sopratutto senza un reale piano di ripartenza.

In un paese popolato da persone sane, una decisione come questa non sarebbe stata neanche minimamente messa in discussione. In Italia però, dove regna l’ignoranza e dove il personaggio trash ha più seguito dell’intellettuale/esperto/politico, si fa una “caciara”.

«Er Faina ve sallustia»

A proposito di ignoranti e di Trash, nei giorni passati, l’esperto di sanità, nonché di “Ccciovani”, Damiano Coccia (Alias Er Faina) si è esposto pubblicamente contro la chiusura delle discoteche. Dall’alto delle sue tre lauree in medicina, virologia e fancazzismo, Er Faina il cui già nome la dice lunga, ha accusato il Governo di aver puntato il dito contro i giovani chiudendo le discoteche.

Tra l’infinita mole di cazzate che racconta per esplicare la sua tesi, ci ha tenuto anche a “minacciare” – e ripeto minacciare, visto il tono e l’atteggiamento quasi di stampo mafioso – il Governo di non riaprire le scuole perché «Sono come le discoteche, anzi anche peggio».

Per fortuna, tra i “Cciovani” c’è anche qualcuno che la terza media l’ha superata e che sa riconoscere un deficiente da un’autorità. Così il video dell’Influencer romano ha avuto più dissensi che altro, a dimostrazione del fatto che anche noi, che siamo comunque abbastanza coglioni visto che dopo tre mesi di Lockdown ci siamo fiondati in posti affollati e senza prevenzioni, abbiamo un minimo di buon senso.

Chiudendo il discorso Faina, Gli Autogol, noto gruppo di minchioni che fanno parodie sul calcio, ci hanno tenuto a ricordare al Dr. Damiano Coccia quali sono i sacrifici fatti dalle generazioni del passato, evidenziando come si possa anche evitare di andare in discoteca senza rompere i coglioni visto lo stato d’emergenza.

Discoteche vs scuole

Uno dei temi centrali del discorso del Faina era il paragone Scuole-Discoteche. Paragone che, per mio stupore, è stato ripreso da molta altra gente. Persino parlamentari e deputati, sopratutto all’opposizione, lo hanno usato per andare contro le decisioni del Governo. A mio avviso, un paragone di questo genere fa rabbrividire.

L’istruzione è un bene primario e necessario che va tutelato ad ogni costo. Il detto «Un popolo di ignoranti è più facile da governare» è vero ma, a parte ripeterlo a pappardella, noi italiani non facciamo nulla per “ribellarci”, anzi continuiamo a dare credito a personaggi come Er Faina.

Tornando a noi, sicuramente a livello di prevenzione, sia scuole che discoteche sono posti affollati ed ad alto rischio di contagio, senza considerare poi le conseguenze che può portare un focolaio in una scuola. Ma la differenza sta nella necessità di correre un rischio. Le due realtà non possono essere paragonate. La smania che ci deve essere per trovare un modo efficiente di far ripartire le scuole, non può essere messa anche nel riaprire le discoteche.

Esistono priorità fondamentali in ogni Governo e mettere sullo stesso piano discoteche e scuole è un attestato di stupidità. Sicuramente anche per le discoteche va attuato un piano di prevenzione, ma va fatto con più calma. Dispiace per chi ci lavora ovviamente, ma ci sono anche altri ambiti che non sono stati tutelati eppure ad oggi si parla solo di queste.

Evidentemente in Italia però, l’educazione scolastica è messa sullo stesso piano del divertimento da festa. Forse, quindi, è proprio questo il problema su cui bisognerebbe fare un video.

Ve Sallustio.

Ci scusiamo per il disagio.

Matteo Riccardi

Matteo Riccardi

Mi presento, Sono Matteo Riccardi, Direttore del blog Nothing Of True. Quando ho creato questo mio piccolo mondo, avevo solo un pensiero in testa, far arrivare a più persone possibile quello che pensavo. Non perché tutto ciò che dico e penso sia giusto, anzi, sono più le volte in cui dico cazzate. Ho fatto questo blog perché mi serviva un modo per esprimere i miei pensieri, indipendentemente da come la pensino gli altri. Ora che ho creato questa famiglia però, spero che il mio blog possa diventare una fonte di ispirazione per chi ci segue e legge. Cerchiamo nel nostro piccolo di cambiare il modo di vedere le cose delle persone, non sappiamo se in positivo o in negativo, ma siamo abbastanza supponenti da poterci provare. Mi scuso per il disagio.

Un pensiero su “Discoteche, Tra Faine e ignoranti

  1. Tutto questo fa paura, mi spaventano le persone che non riescono a comprendere la differenza tra una scuola, un’università e una discoteca.
    A sentire parlare “Er Faina” mi vengono i brividi.. Maleducazione, cattiveria, arroganza, ignoranza, per non parlare dell’inesistente rispetto di chi lavora per lui.
    Io sono giovane ma non voglio che una persona come lui parli per me. Io voglio iniziare l’università, io voglio costruire il mio futuro, io voglio studiare per non essere come lui, io mi voglio realizzare e di certo non sarà una discoteca ad aiutarmi in tutto questo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *