Può un professore cambiarti la vita?

Può un professore cambiarti la vita?

Noi ragazzi ci siamo sempre trovati a confrontarci con decine di professori. Dopo la calda maternità della maestre e dei maestri elementari, ti trovi catapultato in un mondo di voti, di severità o lassismo, e di ”meritocrazia”. I professori sono stati e saranno protagonisti, da parte nostra di decine e decine di discorsi. Esiste il nostro professore preferito, quello che alle interrogazioni ci terrorizzava, o quello universitario che non ci fa passare quel maledetto esame.

Ma un professore può cambiare radicalmente le nostre vite? proviamo a dare una risposta insieme.

Professori, lassismo e burnout

Cominciamo parlando di quei professori lassisti, non di quelli da film che leggono il giornale in classe, ma di quelli che ripetono a pappardella il libro con voce mono tono. Questa categoria lascia poco e niente, probabilmente vivono da anni un mestiere che non sentono più il loro. Il periodo di passione che indubbiamente c’è stato, si è spento, o affievolito. Certamente ci siamo lamentati, senza neanche sbagliarci, ci siamo mai chiesti però il perché? Proviamo ora a parlare di un qualcosa che spesso viene sottovalutato o non conosciuto: il Burnout

La sindrome da burnout è l’esito patologico di un processo stressogeno che interessa professionisti, impegnati quotidianamente e ripetutamente in attività che implicano le relazioni interpersonali. Questa sindrome che provoca alienazione, fino a qualche tempo fa, non solo non era considerata meritevole di attenzione, ma non veniva minimamente studiata a livello empirico. E’ interessante capire il perché relazionarsi continuamente con qualcuno possa essere così stressante. Pensandoci bene vedere un ragazzo che lancia cose tutta la lezione, stresserebbe un po’ chiunque, figuriamoci chi ha studiato una vita per ricoprire quel ruolo. Inoltre tutt’ora in Italia le strutture sono poche e gli psicologi della scuola, (sì, quelli che vengono nelle vostri classi a parlare), vengono considerati come una sorta di bidelli o giù di lì. Quegli psicologi sono e dovrebbero essere invece fondamentali anche per i professori, quei professori che parlando chiaramente, sono anche stanchi di noi ”ragazzini scalmanati”.

O capitano mio capitano

Ora possiamo parlare dei professori che dentro di noi hanno lasciato qualcosa di grande. Dopo anni ricordiamo ancora le loro frasi, li rincorrevamo nei corridoi scolastici per passare del tempo extra con loro. Quei professori che leggono poesie ad occhi chiusi e sono in grado di farci sentire le loro stesse emozioni. Non vanno neanche dimenticati quei professori che capiscono un tuo momento di difficoltà e lontano da tutti ti chiedono come stai, magari neanche la tua ragazza te lo avrebbe chiesto in quel momento.

Un professore può cambiare le nostre vite. In questo caso per la prima volta parlo in prima persona, per un professore io sarei salito su un tavolo e avrei gridato come nel film ”Attimo fuggente”. Questi professori sicuramente condizioneranno le nostre scelte future, alla stregua di un genitore. Un futuro che può e forse deve sembrare fumoso ad un ragazzo, ha sempre bisogno di una mano per essere indirizzato. Un ragazzo che sa cosa fare della sua vita è un ragazzo FELICE.

Ci scusiamo per il disagio.

Riccardo Meddi

Riccardo Meddi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *